Bando filiere corte

E’ aperto il bando del Programma di Sviluppo Rurale che finanzia la creazione e lo sviluppo di filiere corte in Lombardia.

Per partecipare è necessario costituire un’aggregazione formata da almeno 2 imprese agricole e altri soggetti, quali intermediari commerciali o soggetti che svolgono attività di trasformazione.
Tale aggregazione deve organizzarsi per vendere direttamente i propri prodotti o affidarsi ad un unico intermediario per raggiungere il consumatore finale.

I progetti, di importo compreso tra 20 mila e 200 mila euro, devono riguardare:

  • la cooperazione tra aziende al fine di ridurre i passaggi tra produttori e consumatori
  • lo sviluppo di tecnologie che facilitino la vendita attraverso la rete internet, ad esempio attraverso il commercio elettronico, box schemes, vendita a catalogo, etc.
  • modalità di vendita e promozione che favoriscano il contatto diretto con l’acquirente finale, ad esempio mercati degli agricoltori o farmers market, sistemi di acquisto e consegna a domicilio, vendita in forma itinerante.

Il bando prevede un contributo in conto capitale

  • fino al 50%  dell’importo relativo alle spese ammesse per studi di fattibilità del progetto, l’animazione, la progettazione e per i costi di esercizio della cooperazione
  • fino al 40% dell’importo relativo alle spese ammesse per gli investimenti e le spese generali e per le attività di promozione e informazione.

La domanda deve essere presentata prima dal capofila e in seguito dai singoli partner del progetto, in caso anche questi sostengano spese.

Lo sportello per la presentazione delle domande sul Bando filiere corte delle Lombardia resterà aperto dal 21 giugno 2017 fino al 20 settembre 2017.