Call Hub Ricerca e Innovazione Lombardia

La Regione Lombardia mette in campo 70 milioni di euro per la Call Hub Ricerca e Innovazione con l’obiettivo di facilitare le relazioni tra imprese e mondo accademico, nonché favorire il trasferimento tecnologico e l’utilizzo di nuove tecnologie.

Lo sportello per l’invio delle domande sulla Call aprirà a gennaio e si chiuderà a fine marzo, poi si aprirà la fase di negoziazione con Regione Lombardia.

“Stimiamo di generare 140 milioni di euro su progetti di ricerca e innovazione – ha commentato Fabrizio Sala, vicepresidente di Regione Lombardia e assessore alla Ricerca, Innovazione, Università, Export e Internazionalizzazione delle imprese  visto che le imprese coprono i costi al 50 per cento. I progetti muoveranno investimenti pari a 1,4 miliardi, l’equivalente dello 0,5 per cento del Pil della Lombardia”.

Le Anticipazioni della Giunta Regionale

A chi è rivolto

Aggregazioni composte da Organismi di Ricerca, Università e Imprese.
Il partenariato deve essere composto da un minimo di 3 a un massimo di 8 soggetti, di cui almeno una PMI e un Organismo di ricerca.

Cosa finanzia

Progetti di ricerca industriale e sviluppo sperimentale in una delle 7 Aree di Specializzazione della S3:

  • Aerospazio
  • Agroalimentare
  • Eco-industria
  • Industrie creative e culturali
  • Industria della Salute     
  • Manifatturiero Avanzato
  • Mobilità sostenibile

o nel driver trasversale di sviluppo:

  • Smart cities and communities.

Il termine massimo per l’avvio dei progetti è a 30 mesi.

Qual è il contributo

Contributo a fondo perduto max. 5 milioni per ogni progetto.

L’intensità d’aiuto massima, espressa sia per attività di Ricerca industriale che di Sviluppo Sperimentale varia in base alla tipologia di beneficiario:

  • al 60% delle spese ammesse per le Piccole Imprese;
  • al 50% per le Medie Imprese;
  • e al 40% per le Grandi Imprese e Organismi di Ricerca.

 

Si attende a breve  la pubblicazione del bando.