Credito d’imposta Ricerca e Sviluppo: cosa cambia per il 2019

Nel disegno della Legge di Bilancio ci saranno importanti novità per le imprese che intendono usufruire del credito di imposta per attività di ricerca e sviluppo nel 2019.

Si tratta di uno degli incentivi finora più utilizzati e apprezzati dalle imprese che investono in innovazione, perché ha carattere automatico e si applica senza distinzione a tutti i settori.

Le regole fino al 31/12/2018

Oggi il beneficio è riconosciuto fino al 50% delle spese sostenute in eccedenza rispetto alla media incrementale degli investimenti, con un tetto massimo per impresa di 20 milioni di euro.

> Vai all’articolo

Cosa cambia per il 2019

Sarà possibile spesare solo il 25% dei costi di ricerca per le voci relative a:

  •  quote di ammortamento delle spese di acquisizione o utilizzazione di beni materiali, diversi dai terreni e dai fabbricati, non necessariamente tipici di laboratorio, ma che sono solitamente utilizzati dall’impresa per svolgere le attività di ricerca;
  • competenze tecniche e privative industriali relative a un’invenzione industriale, biotecnologica, a una topografia di prodotto a semiconduttori o a una nuova varietà vegetale anche acquisite da fonti esterne.

Resteranno agevolate al 50% le voci relative a:

  • i contratti di ricerca con le università, le startup e pmi innovative
  • le spese del personale.

L’importo massimo dell’agevolazione scenderà inoltre a 10 milioni di euro.

L’aspetto positivo è che fra le voci di spesa ammesse rientreranno anche i materiali e le forniture impiegati anche per la realizzazione di prototipi o impianti pilota, finora esclusi dalla normativa. In questo caso l’agevolazione copre il 25% del costo.

Le imprese beneficiarie saranno tenute a redigere e conservare una relazione tecnica che illustri le finalità, i contenuti e i risultati delle attività di ricerca e sviluppo svolte in ciascun periodo d’imposta in relazione ai progetti o ai sottoprogetti in corso di realizzazione.