Decreto Crescita: cosa prevede

Articolo aggiornata al 24/05/2019

Il Consiglio dei Ministri ha approvato in seconda deliberazione il decreto legge Crescita con alcune integrazioni e modifiche rispetto al testo precedente.  Il piano intende stimolare nuovi investimenti privati nel Paese e rilanciare la competitività.
A differenza di quanto precedentemente annunciato nel provvedimento non trova posto la proroga del Credito di imposta per la ricerca.

Vedi il testo del Decreto Crescita sulla Gazzetta Ufficiale del 30 aprile.

Le 7 misure del Decreto Crescita per le Imprese

 – 1 – Rifinanziamento del SUPER AMMORTAMENTO con aliquota al 130%

L’incentivo fiscale consentirà di finanziare l’acquisto, anche in leasing, di beni strumentali nuovi per il periodo dal 1 aprile al 31 dicembre 2019, introducendo un tetto massimo per gli investimenti agevolati pari a 2,5 milioni di euro.

– 2 – il rafforzamento della NUOVA SABATINI

Prevista l’elevazione del tetto massimo degli investimenti a 4 milioni di euro e la possibilità di erogazione in unica rata per importi sotto i 100 mila euro. Potranno inoltre usufruire dell’incentivo le pmi impegnate in processi di capitalizzazione con il riconoscimento di un contributo maggiorato.

– 3 – DIGITAL TRANSFORMATION

Per agevolare la trasformazione digitale dei processi produttivi delle piccole e medie imprese dei settori manifatturiero e servizi viene introdotta una nuova misura che combina contributo e finanziamento agevolato. L’agevolazione coprirà il 50% degli investimenti ammessi, con un importo minimo di progetto pari a 200 mila euro.

– 4 – Sostegno di progetti di RICERCA E SVILUPPO per la riconversione dei processi produttivi nell’ambito dell’ECONOMIA CIRCOLARE

Finanzia progetti di ricerca e sviluppo finalizzati ad un uso più efficiente e sostenibile delle risorse, con importo compreso fra 500 mila e 2 milioni di euro. L’agevolazione si compone di un finanziamento agevolato per il 50% e di un contributo diretto alla spesa fino al 20% delle spese e dei costi ammissibili.

– 5 – Sostegno alla PROPRIETA’ INTELLETTUALE

Sono inoltre previsti bandi annuali a sostegno della proprietà intellettuale per il deposito e la valorizzazione di marchi, disegni e brevetti.

– 6 – CREDITO DI IMPOSTA per la Partecipazione delle Pmi a FIERE ALL’ESTERO

Prevede  la concessione di un credito d’imposta nella misura del 30% delle spese ammissibili fino ad un massimo di 60.000 euro per la partecipazione delle Pmi a Fiere internazionali all’Estero

– 7- Estensione del FONDO DI GARANZIA alle medie imprese
Per favorire l’accesso al credito è prevista una nuova sezione del Fondo di Garanzia dedicata alle imprese fino a 499 dipendenti.

Le 3 misure del Decreto Crescita per le Startup

 – 1 – Nuove Imprese a Tasso Zero

La misura prevede un finanziamento a tasso zero per lo startup d’impresa. Viene ampliata la platea dei beneficiari alle PMI costituite da non più di 60 mesi, cambia la durata e l’importo massimo del finanziamento.

 – 2 – Voucher 3 i

Prevede un voucher per l’acquisizione di servizi per la brevettazione a favore delle startup innovative.

–  3- Smart & Start

Prevista la semplificazione e l’accelerazione delle procedure di accesso. La misura riconosce un finanziamento a tasso zero alle startup innovative.

 

>> RICHIEDI LA GUIDA AL DECRETO CRESCITA