Economia circolare, bando per le filiere della plastica e del tessile

Apre il bando di Regione Lombardia che destina 5 milioni di euro alle piccole e medie imprese delle filiere della plastica e tessile che realizzano progetti volti a conseguire la riduzione ed una migliore gestione dei rifiuti delle filiere delle plastiche e del tessile, in coerenza con le indicazioni del Programma Regionale di Gestione dei Rifiuti.

Cosa finanzia

La misura si propone di finanziare azioni di economia circolare da parte delle PMI lombarde, quali ad esempio iniziative per:

  • il riutilizzo di imballaggi a fine vita,
  • progetti per il riutilizzo di prodotti o l’allungamento del ciclo di vita,
  • modifiche alle linee produttive al fine di realizzare prodotti/imballaggi con un minor uso di materie prime;
  • modifiche alle linee produttive per la riduzione o l’utilizzo dei propri scarti/sfridi di lavorazione;
  • modifiche alle linee produttive per l’introduzione di materiali da “end of waste”;
  • modifiche alle linee produttive a seguito di riprogettazione del prodotto ai fini di un miglioramento del fine vita dello stesso (maggiore durata e riciclabilità) anche attraverso l’utilizzo di materiali alternativi;
  • la realizzazioni di progetti innovativi relativi a raccolte di rifiuti dedicate a frazioni omogenee ai fini dell’ottimizzazione dei processi di preparazione per il riutilizzo o riciclaggio;
  • progetti innovativi relativi a processi di preparazione per il riutilizzo o riciclaggio di rifiuti plastici, di rifiuti in bioplastica compostabile e di rifiuti tessili.

Qual è l’agevolazione

L’agevolazione viene concessa sotto forma di contributo a fondo perduto fino al 50% delle spese ammissibili, fino ad un importo massimo di 300 mila euro.

Rientrano fra i costi ammissibili:

beni strumentali, macchinari, sistemi di automazione e tecnologie adattive, impianti di produzione, attrezzature e arredi, hardware e software.

Quando

Lo sportello per la presentazione delle domande apre alle ore 9 del 7 maggio e chiude alle ore 16 del 18 giugno.