Fondo di rotazione per la cultura

Ammontano a 3,5 milioni di euro le risorse a disposizione del Fondo di rotazione dedicato ai soggetti che operano in campo culturale.

I fondi saranno assegnati per la realizzazione di progetti per la valorizzazione di beni mobili e immobili. In particolare saranno finanziati interventi di manutenzione ordinaria/straordinaria; la conservazione e il restauro di beni, collezioni e archivi; l’allestimento di istituti e luoghi della cultura (ecomusei e siti Unesco).

L’agevolazione potrà essere concessa fino ad un massimo del 70% del costo complessivo dell’intervento: per il 75% tramite un finanziamento agevolato e per il restante 25% a fondo perduto.

Il Fondo è aperto a soggetti pubblici e privati che siano proprietari o abbiano la documentata disponibilità dei beni oggetto dell’intervento.

Si attende la pubblicazione dei bando con l’indicazione delle modalità di presentazione delle proposte.