Sanità 4.0: chiarimenti per l’iperammortamento

Quando si può usufruire dell’ iperammorammortamento per investimenti nel settore della sanità?
Lo chiarisce una circolare del Ministero dello Sviluppo Economico in risposta alle numerose richieste di imprese e associazioni del settore.

Il provvedimento fornisce un elenco dei beni agevolabili riconducibili al concetto di “sanità 4.0”distinto in 4 macrocategorie:

  • apparecchiature per la diagnostica per immagini: ad esempio tomografo computerizzato –TC, tomografo a risonanza magnetica – RMN, apparecchiature della medicina nucleare quali gamma camera, PET, SPECT;
  • apparecchiature per la radioterapia e la radiochirurgia;
  • robot, ad esempio robot chirurgici utilizzati per eseguire interventi mini invasivi ad alta precisione, i sistemi per la riabilitazione robotica come gli esoscheletri;
  • sistemi automatizzati da laboratorio;
  • software per la gestione della c.d. “cartella clinica elettronica”.

A fronte di tali investimenti le imprese possono ammortizzare fino al 270% del costo di acquisizione di tali beni, purché rispondano ai requisiti generali previsti dalla normativa dell’iperammortamento.

L’incentivo si applica fino al 31 dicembre 2019, con proroga al 2020 per la consegna dei beni, nel caso l’impresa provveda al pagamento di un acconto al fornitore pari al 20% entro il 2019.

Come si calcola l’iperammortamento per il 2019

Vai all’articolo