Piano Impresa 4.0: le misure per il 2020

Il Consiglio dei Ministri ha approvato il disegno di legge relativo alla legge di Bilancio 2020 ora al vaglio della Commissione europea. La manovra finanziaria per il prossimo anno vale 30 miliardi di euro.

Confermata la proroga degli incentivi previsti dal Piano Impresa 4.0 con alcune novità:

  • iperammortamento rinnovo triennale con una supervalutazione del 170% degli investimenti in beni nuovi, strumentali, materiali e ad alto contenuto tecnologico, atti a favorire i processi di trasformazione tecnologica in chiave Industria 4.0 e in maniera sostenibile ed ecocompatibile
  • superammortamento triennale al 130% per l’acquisto di beni strumentali nuovi e al 140% per investimenti in beni strumentali immateriali;
  • proroga del credito di imposta per la Formazione 4.0;
  • rifinanziamento della Nuova Sabatini 
  • rifinanziamento del Fondo centrale per le PMI per il triennio, per sostenere l’accesso al credito delle PMI, incluse le startup innovative e le imprese che acquistano beni strumentali ai sensi  della “Nuova Sabatini”)
  • estensione al 2023 del credito di imposta per R&S con l’introduzione di una nuova media di riferimento ai fini del calcolo dell’agevolazione;
  • erogazione di un voucher alle PMI per consulenze finalizzate a processi di trasformazione tecnologica e digitale.

Altri provvedimenti in materia di incentivi alle imprese:

  • Piano Green New Deal  Gli interventi saranno mirati a incentivare il rinnovo delle produzioni e degli impianti in uso, l’efficientamento e la riconversione dei processi produttivi e la transizione verso la Quarta rivoluzione industriale (digitalizzazione e intelligenza artificiale).
  • Proroga al 2020 per il credito di imposta SUD per l’acquisto di beni strumentali nuovi destinati a strutture produttive ubicate nel Mezzogiorno.

Tutta la documentazione di riferimento è disponibile sul sito del Ministero dell’Economia e delle Finanze.