Manovra di Bilancio 2024: principali novità per le imprese

Il Consiglio dei Ministri, su proposta del Ministro dell’economia e delle finanze, ha approvato il disegno di legge recante il bilancio di previsione dello Stato per l’anno 2024 con una dotazione finanziaria di circa 24 miliardi di euro.

Fra le misure a supporto delle imprese si segnala in particolare il rifinanziamento dei contratti di sviluppo per la realizzazione di progetti strategici di investimento, della Nuova Sabatini, e interventi di sostegno agli investimenti per le imprese del Mezzogiorno, che beneficeranno di un credito di imposta per l’acquisizione di beni strumentali. Previsto anche un piano di riforma delle garanzie pubbliche, nonché incentivi e meccanismi premiali per le imprese che assumono.

Approvato inoltre un decreto-legge che introduce misure urgenti in materia economica e fiscale. Dal Consigli dei Ministri arriva il via allo stanziamento di 50 milioni di euro, già disponibili per il 2023, per agevolare l’acquisto di macchinari e attrezzature da parte delle piccole e medie imprese a valere sulla Sabatini. Introdotta un’importante novità: il finanziamento sarà reso fruibile per le imprese in un’unica tranche consentendo l’accorpamento delle rate.

Il decreto legge prevede inoltre più tempo per gestire il credito di imposta per le attività di ricerca e sviluppo. La misura approvata consente di allineare temporalmente il sistema di certificazione del credito d’imposta, operativo dal prossimo anno, con i termini per il possibile riversamento spontaneo che vengono prorogati al 30 giugno 2024. Fra le misure introdotte con decreto legge si segnala inoltre il riconoscimento di una tassazione agevolata alle imprese che ritornano a investire in Italia con la riduzione del 50% delle imposte sui redditi.